• it
  • en
Cerca qui

Le nuove Social Media Strategies: da Rimini, verso il 2018, un’anteprima

Quest’anno ci sarò anch’io ai Social Media Strategies days di Rimini. Contribuirò alle discussioni della prima giornata, in veste di relatore, con un intervento dedicato al Social Advertising, in particolare riferimento a Instagram.

Fare pubblicità con Instagram: trend, how to e… dietro le quinte di un account

Il titolo mi sembra chiaro. Si tratta di uno speech adatto a qualsiasi pubblico che, quando è stato pensato da me e Giorgio Taverniti, ha immaginato di avere di fronte non soltanto esperti del settore, account di agenzie o consulenti specializzati, ma anche altre figure che un qualsiasi professionista della comunicazione, di solito, si trova ad affrontare in riunione relativamente le strategie da adottare: l’amministratore delegato, il responsabile commerciale o il direttore marketing, coloro i quali necessitano, cioè, di risposte meno tecniche e più pragmatiche. Cos’è questo strumento e perchè usarlo? Quanto budget devo predisporre per farlo funzionare? Come ed entro quanto tempo rientro dall’investimento? Riuscire ad affrontare queste domande e ottenere un confronto vincente con le figure aziendali “che contano”, in genere, risulta di gran lunga più soddisfacente e formativo che parlare, inter nos, all’interno di in una nicchia.

Costruire il contenuto su Instagram, il regno della Percezione

Per dare una piccola anteprima sul tema della riflessione che vorrei aprire mercoledì a Rimini, anticipo che partirò dalla parola percezione per collegare il mondo dell’impatto visuale, caratteristica di Instagram, con il mondo della realtà, attraverso un elemento fondamentale attorno cui ruotano tutti i social network: i contenuti informativi.

Sarà all’interno di tale contesto che guarderemo l’approccio commerciale a Instagram e come utilizzare questo canale per fare pubblicità.
Se parliamo di contenuto, infatti, secondo me nessuna strategia di marketing può ignorare il principio dell’attualità della notizia – e quindi di come essa venga percepita – ma anzi deve sfruttarla per inserire la proposta di contenuti sponsorizzati dai brand nella quotidianità delle persone, cogliendo i migliori fatti sociali e ricontestualizzandoli in una logica di mercato (io e Cristiano Carriero ne avevamo parlato qualche tempo fa nel suo libro Content Marketing).

Proprio sul tempo dell’attualità e sul tempo di internet, Andrea Boscaro condivide una bella riflessione:

Tornando all’anteprima sul mio contributo al #SMStrategies, seguirò una struttura argomentativa divisa in tre parti, dalla (1) storia di Instagram, passando per la (2) creatività, fino alla condivisione di alcuni (3) dati di case history aziendali di diversi settori che curo personalmente.

Questa scelta è stata fatta sia per facilitare la comprensione del tema al pubblico meno specializzato, scandendo in passaggi il livello di tecnicità e speculazione sugli insight, sia per aiutare le persone a ritrovare velocemente il filo del discorso una volta finito l’evento, magari scartando dalle slide le informazioni che non servono e utilizzare, invece, gli esempi utili per il proprio lavoro.

Per me, infine, parlare di social advertising con Instagram è un’occasione per esprimermi nell‘ambito delle strategie di digital marketing che, in questi anni, le aziende grandi e piccole stanno cercando di mettere a punto per non perdere la preziosa opportunità di esplorare nuovi mercati: non parlerò, perciò, di come rendere più bello il proprio canale Instagram, o di come trasformarlo in un account di riferimento nel settore dell’influencer marketing, nè proporrò la stesura di un Piano Editoriale in una particolare versione.

Cercherò, invece, di portare la mia esperienza sul campo (tanto dall’impresa quanto dall’agenzia) all’interno della panoramica di strategie social media applicate all’Inbound Marketing, un approccio molto più vicino alle ossessioni aziendali di “vendere o morire” che, oltre a rispondere alle domande sulla gestione di processi, costi e ROI, le aiuta anche a maturare un atteggiamento verso il marketing, e verso i social, molto più pacifico e costruttivo rispetto al passato.

Contenuti extra e live twitting con #smstrategies

Oltre all’intervento dal vivo, e alle slide, sarà possibile risalire ai contenuti dello speech e portarne a casa qualche pezzo anche in altri modi: il primo, è seguire gli aggiornamenti su questo blog, dove pubblicherò degli approfondimenti sulle storie delle case histories aziendali citate a Rimini. Alcune di queste fanno già parte del feed che ho creato di recente con l’hashtag Instagram,  #dietrolequintediunaccount, e che propongo anche nel titolo dell’intervento.

Il secondo, è seguire il live twitting con l’hashtag ufficiale dell’evento #smstrategies, da cui partiranno anche dei miei tweet che ho programmato per tenere aggiornati di quanto dirò anche “gli amici da casa” e aggiungere, in alcuni istanti, le varie fonti da cui ho estratto i dati, altre statistiche associate all’argomento e i riferimenti bibliografici.

Il terzo, sarà lo storify attraverso cui raccoglierò tutti questi contenuti, estrapolerò qualche slide dalla presentazione e aggiungerò una piccola bibliografia alternativa su Instagram e sulle strategie di social advertising che, personalmente, consiglio a chi vuole andare oltre i titoli più popolari disponibili in libreria.

Intanto, dal Social Media Strategies di Rimini, è stato annunciato il Sold Out.